Martedì, 29 Settembre 2020 10:25

Il primo colloquio: paziente e psicologo si incontrano

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cosa aspettarsi dal primo colloquio psicologico di accoglienza

 

E' piuttosto comune e lecito, avere dubbi, timori e perplessità rispetto al primo incontro con lo psicologo: si tratta di un momento delicato, che sancisce l’inizio di un rapporto terapeutico verso il cambiamento. Il significato etimologico della parola “Colloquio” ne esprime, in modo chiaro, la sua funzione: infatti, esso deriva dal latino Cum-Colloqui e significa “parlare con”; “Collo” deriva dal latino “Collum” (da Columna = Colonna; Collis = Colle) e vuol dire “spingere”, “alzare”, “sostenere”. Dunque, possiamo pensare che il significato della parola “Colloquio” sia “parlare con qualcuno per sostenerlo”.

Il primo colloquio, sebbene non sia il primissimo contatto tra paziente e psicologo, c’è stato infatti un pre-contatto telefonico, è un importante momento di conoscenza, definizione del problema e sperimentazione. Costituisce anche un banco di prova per l’instaurarsi di una relazione tra le parti, uno spazio di conoscenza reciproca carico di emozioni.

All'interno del Consultorio Antera Onlus tale momento riveste per la nostra equipe un'importanza fondamentale, già dal primo contatto telefonico prendiamo le informazioni che ci permetteranno di accogliere al meglio la richiesta che ci viene fatta, anche grazie alle diverse specializzazioni dei nostri terapeuti e alle loro specifiche competenze.

Sono tante le emozioni che si alternano prima del primo colloquio: ansia, curiosità, speranza, tristezza, entusiasmo, rabbia, ecc.. Tante sono anche le aspettative che si creano da entrambe le parti rispetto al colloquio, alla persona che ci si troverà di fronte, alla tipologia di richiesta e a come ci verrà presentata, sia a livello esplicito che implicito.

 

Cosa accade nel primo colloquio?

Scopo principale del primo colloquio, e compito primario del terapeuta, è aiutare il paziente a circoscrivere le difficoltà che hanno portato a chiedere aiuto. Nel corso del colloquio anche il terapeuta si presenta e guida il racconto del paziente con domande mirate a raggiungere l’obiettivo. Molte persone credono di dover parlare a ruota libera per un’ora e spesso sono preoccupati di non sapere come riempire quello spazio. A seconda dell’andamento del colloquio e della problematica riportata, lo psicologo approfondirà alcuni aspetti e potrebbe chiedervi di fare degli esempi concreti o di raccontare la prima o l’ultima volta in cui il problema si è presentato.

Il primo colloquio con lo psicologo sarà principalmente focalizzato sul problema portato dal paziente e su una sua migliore definizione, pertanto gli aspetti da trattare saranno diversi. Si chiarirà, oltre alla motivazione che ha portato alla ricerca di un professionista, anche il decorso del problema (se e come è cambiato nel corso delle ultime settimane), l’esordio e la durata (da quando è presente), le persone coinvolte e le ripercussioni sulla vita quotidiana. Mediante il colloquio con lo psicologo, il paziente inizia a vedere le proprie problematiche in una nuova prospettiva e pensabilità (può cominciare, per esempio, a pensare alle parti di sé meno accettabili, riconoscendone l’esistenza).

Nel corso del colloquio, tenendo a mente l’obiettivo della conoscenza, lo psicologo raccoglierà una prima anamnesi (storia di vita del paziente) chiedendo al paziente di raccontare alcuni aspetti della propria vita attuale e passata, come ad esempio la storia familiare, lavorativa, scolastica e medica. A tal proposito, eventuali precedenti interventi psicologici o psichiatrici possono essere comunicati e analizzati per determinare che cosa abbia o non abbia in passato avuto un’utilità.

Altro obiettivo fondamentale del Primo colloquio, e che riguarda soprattutto il terapeuta, è capire se la metodologia e le tecniche usate dal terapeuta possano essere utili per il paziente e per la sua specifica problematica. In caso contrario, sarà cura del terapeuta aiutare il paziente a trovare un terapeuta più adatto a lui, motivando la propria decisione e indirizzandolo verso chi potrà offrirgli maggiori probabilità di recupero del benessere.  In sintesi, il Primo Colloquio è una danza tra accogliere e raccogliere, con l’attenzione al cogliere: in questa danza,  il ritmo è dato dalla sintesi tra la musica suonata dal paziente e quella suonata dallo psicologo, dove quest’ultimo ha la responsabilità di cercare lo stile che sia in grado di portare Armonia nella maniera più efficace possibile.

 

Come si conclude il Primo colloquio con lo psicologo?

Il primo colloquio dura in media 40/50 minuti, sufficienti ad una prima conoscenza reciproca e ad un primo inquadramento delle difficoltà. Non sono sufficienti ad avere, però, un quadro completo della situazione: saranno necessari altri colloqui di intake (presa in carico) per raggiungere la completezza informativa. Nel corso del primo colloquio spiegheremo a chi avremo di fronte quale sia il mio modo abituale di lavorare, cosa accadrà nei colloqui successivi e cosa ci si possa aspettare dalla prima fase di conoscenza.

Fin dal primo contatto con lo psicologo, questi è tenuto al segreto professionale rispetto quanto comunicato dal paziente. Ogni informazione raccolta resta riservata, in linea con l’Articolo 4 del codice deontologico dell’Ordine degli Psicologi che cita: “Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro che si avvalgono delle sue prestazioni”.

Il primo colloquio rappresenta un momento particolarmente significativo nel processo terapeutico, in quanto permette di creare le basi, per l’aggancio terapeutico da parte dello psicologo e per la futura alleanza.

Al termine del colloquio è di solito previsto uno spazio per raccontare le proprie impressioni, fare domande o chiarire alcuni aspetti emersi. Conclusa la consultazione il paziente ha facoltà di scegliere se fissare un appuntamento successivo, prendersi del tempo per decidere se continuare il percorso oppure interromperlo.

Il Consultorio Antera Onlus offre un servizio di primo colloquio conoscitivo gratuito presso le nostre sedi Roma, Fiumicino e Monterondo, all'interno del quale poter essere accolti e iniziare a mettere a fuoco le difficoltà presentate e pensare un possibile percorso psicologico di sostegno e supporto alla persona e al suo sistema di riferimento.

Iscriviti alla nostra newsletter

Per tutti gli iscritti alla nostra newsletter, sono disponibili in esclusiva i nostri e-book, pubblicati periodicamente con l’obiettivo di contribuire alla divulgazione qualitativa della professione. Trattano di argomenti di interesse comune, inerenti il benessere psicologico o le problematiche più diffuse: prendendo spunto dalla letteratura scientifica e dalla esperienza clinica, cercheranno di rispondere alle domande più frequenti e di far emergere nuovi spunti di riflessione.

Sono risorse che il Consultorio Antera Onlus desidera mettere a disposizione in maniera del tutto gratuita per chiunque abbia curiosità e interesse relativi allo specifico tema di volta in volta trattato.

compila il form seguente per ricevere la nostra newsletter e i nostri ebook gratuitamente.

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo